Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. +39 030 9718007

Radiologia e diagnostica strumentale

Rx TCC Cone Beam

La radiologia moderna analizza i DCCM con tecnica TC Cone Beam volumetrica (CBCT) che fornisce immagini tridimensionali adatte allo studio morfologico del cranio. In un unico scatto radiografico si ricavano oltre alle immagini volumetriche anche le classiche proiezioni. Si sostituiscono così analisi più vecchie come la radiografia panoramica (ortopantomografia), la stratigrafia e la tomografia spirale e la telecranio. La radiologia volumetrica Cone Beam CBCT rappresenta oggi la più moderna analisi diagnostica per immagine neiDCCM anche delle articolazioni temporo mandibolari. Sono così analizzabili difetti ossei evidenziabili nelle visioni integrali tridimensionali o nelle visioni multistrato tipiche delle TAC. Il grande successo della radiologia 3D è dovuto all'utilizzo di un fascio radiogeno conico che permette l'acquisizione di interi volumi di tessuto con dosi assorbite di radiazioni ionizzanti poco superiori ad una vecchia radiografia panoramica ed ridotte rispetto ad una TAC tradizionale fino a -70%. Le immagini possono essere studiate e analizzate in vario modo con il software senza rischio di dover ripetere l'esame.

Sedute di dialogo e conoscenza

Lo studio tiene particolarmente a curare esclusivamente pazienti odontofobici. Questo status privilegiato ci fa essere allo stesso tempo una piattaforma di osservazione. E´possibile osservare un fenomeno che altri non vedono. In questo modo ci è stato possibile nel corso degli anni di scoprire particolarità sconosciute o fattori in comune che differenziano i pazienti odontofobici da un normale paziente.Purtroppo non esistono dei test specifici per attestare la paura del dentista. Tuttora la diagnostica non ha fatto passi avanti significativi.

Glucosometro

Il glucometro (o reflettometro) è un dispositivo medico portatile in grado di stimare con buona approssimazione il tasso di glucosio nel sangue.Glucometro - Il misuratore di glicemia
Fedele alleato dei diabetici, soprattutto di quelli sottoposti a terapia insulinica, il glucometro è l'indiscusso protagonista dell'automonitoraggio domestico della glicemia, che a sua volta rappresenta il cardine di una terapia per il diabete ragionevole e ragionata. Tramite il corretto utilizzo del glucometro, infatti, il paziente è in grado di valutare in prima persona i propri livelli glicemici, aggiustando all'occorrenza la terapia nutrizionale, l'esercizio fisico ed il trattamento farmacologico.

Misurazione P/A- frequenza cardiaca

Monitorizzare un paziente significa misurare o valutare in modo continuo od intermittente l'andamento di un parametro o di una funzione, così da permettere la valutazione dell'omeostasi, cogliere variazioni non desiderate o semplici tendenze alla variazione, e stabilire l'efficacia di una terapia.
Obiettivo importante del monitoraggio è la diagnosi e la sorveglianza di situazioni potenzialmente pericolose.

La somministrazione di farmaci sedativi si associa ad una varietà di effetti alcuni dei quali non desiderati. Attraverso il  monitoraggio è possibile porre sotto controllo tempestivamente  situazioni potenzialmente dannose per il paziente.

Defibrillatore semiautomatico

La professionalità dell’odontoiatra e le tecnologie implicate abbracciano un ventaglio di trattamenti praticamente destinati a ogni tipo di paziente. Tra i pazienti trattati rientrano sicuramente pazienti anziani a rischio cardiologico, potenziali vittime di un evento cardiorespiratorio improvviso o pazienti che vivono con stress la visita nello studio, cosicché l’odontoiatra e il suo staff devono essere pronti a rispondere all’emergenza occorsa. La stessa statistica basata sul numero degli accessi alle migliaia di studi di fatto sottoseleziona una popolazione per la quale è già individuabile un generico rischio statistico. Per poter rispondere a tali eventualità, è necessario avere i dispositivi necessari per poter intervenire, senza perdere minuti preziosi che farebbero diminuire drasticamente le possibilità di sopravvivenza del paziente.

Controllo ECG, saturazione ossigeno P₂O₂

L’ECG viene usata anche come esame di routine all’inizio delle terapie per verificare lo stato di salute del paziente oppure viene eseguita in caso di sintomi di patologie che possono essere correlate a problemi cardiaci.

Rx ortopantomografia digitale

La RADIOGRAFIA PANORAMICA DENTALE (chiamata anche Ortopanoramica, Ortopantomografia o OPT) è un esame a scopo diagnostico delle due arcate dentali complete e del distretto maxillo-facciale.

Serve per avere una visione globale dello stato dei denti, dell’osso mandibolare e mascellare, delle articolazioni e dei tessuti gengivali.

Si esegue utilizzando un apparecchio radiografico specifico (panoramico o ortopantomografo) che permette di  impressionare un sensore digitale (camera CCD) posizionato specularmente alla sorgente che ruota   intorno alla testa del  paziente.

Il Paziente viene invitato a mordere l’apposito bite (per il corretto allineamento delle arcate) e a posizionare la lingua rilassata e piatta contro il palato alto. Per pochi secondi il paziente non dovrà deglutire e dovrà tenere gli occhi chiusi onde evitare movimenti indesiderati.

La TECNICA DIGITALE DIRETTA CON CAMERA CCD durante l’acquisizione visualizza in tempo reale le immagini a monitor che, dopo un processo di miglioramento, vengono stampate su speciali pellicole ecologiche. Il sensore CCD ad alta risoluzione e le caratteristiche evolute della sorgente dei raggi consentono di ottenere immagini ad elevato valore diagnostico e con una dose di radiazioni al paziente inferiore del 30-50% rispetto alla tecnica con pellicola tradizionale o con sistemi ai fosfori.

Al fine di garantire la massima protezione, per tutta la durata dell’esposizione al paziente viene fatto indossare un grembiule pararaggi.

Rx endorale digitale

La RADIOGRAFIA ENDORALE o intraorale è un esame a scopo diagnostico di alcuni elementi dentali (da uno a tre).
La radiografia endorale serve per visualizzare in modo specifico l’anatomia del singolo elemento (corona, radice del dente, tessuto gengivale) quando si sospetti una patologia circoscritta a questo elemento.

Si esegue utilizzando un apparecchio radiografico specifico (endorale) che permette di  impressionare una piccola piastrina ai fosfori posizionata intraoralmente in corrispondenza dell’elemento oggetto del quesito diagnostico. Per la perfetta centratura della immagine in tecnica parallela si utilizza il Centratore di Rinn

Lo Studio esegue l’esame in TECNICA DIGITALE OPTIME in grado di acquisire l’immagine con una risoluzione elevata e con una dose di radiazioni al paziente 90 volte inferiore rispetto alla tecnica con pellicola.
Uno speciale centratore aiuta a trattenere in posizione la piastrina (entrambi inseriti in una speciale protezione igienica monouso) e a posizionare correttamente il tubo del radiografico in modo di mantenere il più corretta e parallela possibile la proiezione dei raggi.
Il paziente chiudendo il morso manterrà il centratore fermo nella posizione stabilita dall’operatore. I tempi di esposizione sono di 2-6 centesimi di secondo.